La festa nazionale in Norvegia

La festa nazionale in Norvegia

0 754

Il 17 maggio è la festa nazionale norvegese. La ricorrenza è chiamata “Syttende mai” che significa appunto “17 maggio”. Altro appellativo è “Grunnlovsdagen” che significa “giorno della Costituzione”.  Dopo 400 anni di unione la Norvegia abbandonò la Danimarca nel 1814. Il17 maggio del 1814 venne stipulato il trattato di Kiel e il primo monarca divenne il Principe Christian Frederik. La monarchia ereditaria venne introdotta nel 1905 quando si mise fine anche all’unione con la Svezia ottenendo concretamente l’indipendenza. La Costituzione norvegese a quei tempi era considerata una delle più moderne.

La festa nazionale norvegese divenne pubblica nel 1833, Bjornstjerne Bjornson introdusse ufficialmente nel 1864 le “sfilate dei bambini”.

La particolarità della ricorrenza è che sono escluse tutte le parate militari. Il 17 maggio tutti i cittadini si fermano e lasciano la scena ai bambini che sono i protagonisti di un futuro senza paura e senza guerre. Tutta la popolazione indossa i “bunad”, i tradizionali costumi molto elaborati. Esiste una versione maschile e una femminile, entrambi sono molto ricamati e arricchiti con sciarpe, scialli e gioielleria. Al passaggio della sfilata di bambini la famiglia reale si affaccia dal balcone del Palazzo Reale per salutare tutti i giovani partecipanti.

Il corteo più famoso è quello che sfila ad Oslo, preceduto dalla banda musicale. Stendardi, bandiere, colori, sorrisi. La sfilata si conclude con il canto dell’inno nazionale “Ja, vi elsker dette landet”, e dell’inno reale “Kongesangen”. Una festa molto diversa da quelle degli altri paesi, un evento che di anno in anno attira sempre più turisti stranieri che cominciano ad arrivare in un periodo in cui ormai l’estate è in arrivo.

Fonte: Il Nord Europa

Per saperne di più: Norvegia

Nessun commento

Lascia un commento