Ticket sanitari – Dal 1 luglio parte un nuovo sistema

Ticket sanitari – Dal 1 luglio parte un nuovo sistema

0 303

La fascia di reddito sarà assegnata dal Ministero

Bisognerà aggiornare i dati per non finire nella fascia più alta e pagare il ticket per intero, pare che dal primo luglio arrivino nuove regole per il pagamento del ticket, in particolare per la fascia di reddito che non verrà più stabilita con l’autocertificazione, ma comparirà in automatico sulla ricetta sulla base della informazioni fornite dal ministero delle Finanze e quindi desunte dalla denuncia dei redditi, questo si legge su numerosi siti web italiani, tra i quali Yahoo.it. La fascia attribuita dal Ministero non sarà modificabile, né dal medico, né dal farmacista; sarà necessario dunque verificare la propria registrazione nel Sistema della Tessera Sanitaria. Occorrerà quindi controllare.


Le seguenti categorie non saranno interessate:

– i bambini sotto i 6 anni o gli anziani over 65 con reddito familiare inferiore a 36151,98 euro;
– i disoccupati e gli anziani con più di 60 anni detentori di pensione minima e loro familiari a carico con reddito inferiore a euro 8263,31, incrementato a 11362,05 euro in presenza del coniuge e in ragione di ulteriori 516 euro per ogni figlio a carico;
– i titolari di assegno (ex pensione) sociale e loro familiari a carico;
– i cittadini in fascia di reddito superiore a 100mila euro.

Ecco di seguito le presunte fasce di reddito e le relative codifiche che devono comparire sulla ricetta:

– da zero a 36151,98 euro il codice è R1;
– da 36151,99 a 70mila euro il codice è R2;
– da 70001 a 100mila euro il codice è R3;
– sopra i 100mila euro non è previsto alcun codice poiché l’utente pagherà in automatico la quota massima. 

Nessun commento

Lascia un commento