Visitare, studiare, lavorare in Australia: una piccola guida

Visitare, studiare, lavorare in Australia: una piccola guida

0 411

L’Australia richiama ogni anno migliaia di giovani, in cerca di nuove opportunità, per studiare, lavorare o semplicemente per visitare questo immenso territorio. L’ingresso in Australia è sempre subordinato al possesso del passaporto e all’ottenimento di un visto, ottenibile facendo richiesta al più vicino consolato australiano. Per alcuni visti inoltre, c’è la possibilità di fare domanda direttamente online.

Esistono svariate decine di visti, ognuno adatto alle attività specifiche che si intendono compiere una volta arrivati in Australia, e di diversa durata (le autorità australiane possono valutare il prolungamento della validità di alcuni tipi di visto). Il Dipartimento dell’Immigrazione australiano mette a disposizione sul proprio sito www.immi.gov.au, un utile servizio di ricerca che permette di individuare il visto più adatto alle proprie esigenze. Ad ogni visto viene assegnato un codice identificativo, chiamato subclass, o sottoclasse.

Ecco la descrizione di alcuni dei visti che si possono ottenere:

Visto eVisitor (sottoclasse 651)

Per chi desidera visitare l’Australia per un periodo di tempo inferiore a 3 mesi è possibile richiedere gratuitamente il visto eVisitor. Questo tipo di visto ha 12 mesi di validità, e permette di trascorrere periodi di permanenza in Australia di massimo 3 mesi alla volta.

Sono due i principali requisiti per ottenere questo visto:

  • essere all’esterno del territorio australiano al momento della domanda;
  • essere in possesso del passaporto di uno dei paesi convenzionati (tra cui l’Italia);

Questo visto è inoltre adatto a chi si reca in Australia per scopi d’affari che non prevedano un’attività lavorativa continuativa (missioni commerciali, negoziazioni di accordi e trattative, presentazione di domande di lavoro, partecipazione a conferenze, attività collegate a visite ufficiali).

La domanda di ottenimento di un visto eVisitor è completamente gratuita, e si può presentare una nuova domanda in qualsiasi momento (anche se il precedente visto è ancora in fase di validità).

Chi viaggia con la famiglia al seguito dovrà richiedere l’ottenimento di un eVisitor per ogni singolo membro della famiglia (anche per i figli minorenni inclusi nel passaporto dei genitori).

La domanda si può effettuare online sul sito www.immi.gov.au, può richiedere generalmente da 2 a 10 giorni lavorativi per essere elaborata dalle autorità australiane.

 

Visto Visitor (sottoclasse 600)

Questo visto permette di rimanere in Australia per un periodo fino a 3, 6 o 12 mesi, secondo le circostanze. Può essere richiesto (al costo di 130 dollari australiani) per compiere diversi tipi di attività:

Attività turistica

Per attività turistiche (vedi visto eVisitor), o per visitare amici e parenti, si può richiedere sia dall’estero che quando ci si trova all’interno del territorio australiano.

Nel caso ci si rechi in visita da parenti, può essere richiesto a un membro della famiglia di farvi da sponsor, garantendo per voi, o un deposito cauzionale.

È inoltre possibile che vi venga richiesto il possesso di un’assicurazione sanitaria integrale (oltre agli accordi di assistenza sanitaria reciproca) della durata di 12 mesi.

Per queste attività, il visto vi permette di stare in Australia per un periodo complessivo di 12 mesi, nell’arco di 18 mesi. Una volta scaduto il termine, per richiedere un nuovo visto occorrerà in ogni caso uscire dal paese.

Attività d’affari

Per attività d’affari (vedi visto eVisitor), si può richiedere soltanto dall’esterno dell’Australia.

Per richiedere questo visto per attività commerciale occorre dimostrare le proprie credenziali aziendali e dedicarsi ad attività commerciali durante la permanenza.

Visita a parenti con sponsor

Nel caso ci si rechi in visita a parenti in Australia, occorre poterlo dimostrare al momento della richiesta del visto, oltre ad ottenere lo sponsor da parte di un vostro parente residente in Australia o di un pubblico ufficiale australiano.

La domanda per il visto Visitor (sottoclasse 600) può essere effettuata online sul sito www.immi.gov.au, pagando la tariffa richiesta con carta di credito.

 

Visto Working Holiday (sottoclasse 417)

Questo visto è dedicato ai giovani (dai 18 a 31 anni) che vogliono prolungare e arricchire la loro vacanza in Australia lavorando in un’attività locale, fino ad un periodo massimo di 1 anno.

Il visto Working Holiday permette di:

  • restare in Australia per un periodo massimo di 1 anno;
  • lavorare in Australia fino a 6 mesi con ciascun datore di lavoro;
  • studiare per un periodo massimo di 4 mesi;
  • entrare e uscire dal paese liberamente durante il periodo di validità del visto.

Tra i requisiti al momento della richiesta di visto:

  • avere con sé denaro sufficiente per mantenersi durante la vacanza lavoro (circa 5.000 dollari australiani);
  • avere con sé denaro sufficiente per comprare un biglietto di ritorno o di prosecuzione al termine soggiorno;
  • non essere accompagnato da figli a carico durante il viaggio.

Secondo visto Working Holiday

È possibile fare richiesta di un secondo visto Working Holiday, se durante la validità del primo visto sono stati svolti almeno 3 mesi complessivi di lavoro specifico.

I lavori specifici sono designati dalle autorità australiane in alcune aree regionali definite, e possono comprendere:

  • coltivazione di piante e allevamento di animali;
  • pesca e raccolta di perle;
  • manutenzione o abbattimento di alberi;
  • estrazione mineraria;
  • edilizia.

Per una lista dettagliata dei lavori specifici che permettono di rinnovare il proprio visto Working Holiday, e le aree regionali dove è possibile lavorare, è disponibile una pagina dedicata sul sito www.immi.gov.au.

Per trovare lavoro in Australia è inoltre disponibile un servizio di ricerca sul sito http://jobsearch.gov.au, che comprende una sezione dedicata all’Harvest Trail, specifico per chi intende lavorare nella raccolta stagionale di frutta, verdura e materie prime, viaggiando per il paese seguendo i suoi ritmi stagionali.

Al momento di richiedere il rinnovo del visto occorrerà dimostrare l’attività lavorativa svolta durante il primo visto, tramite documenti come cedolini, dichiarazione dei redditi, lettera di referenze del datore di lavoro, certificato di lavoro di una banca australiana ecc.

 

Visto Special Program (sottoclasse 416)

Questo visto temporaneo permette di frequentare un programma di scambio culturale, e viene rilasciato esclusivamente in seguito all’invito formale da parte dell’istituzione ospitante.

Permette di lavorare e studiare in Australia, se il lavoro o lo studio fanno parte del programma che si sta svolgendo. Questo visto è declinabile per una vasta serie di attività di volontariato che si possono svolgere, dal lavoro a tempo parziale in fattoria (scopri il Wwoofing con il tutorial di Gioventu.org e il portale del Wwoofing in Australia), alla tutela di specie animali e vegetali, fino all’organizzazione e il supporto a eventi artistici e culturali.

 

Visto Higher Education Sector (sottoclasse 573)

Questo visto è dedicato agli studenti che intendono svolgere in Australia un percorso di studi universitari.

Il visto si prolunga per la durata del corso di studi, e permette inoltre di svolgere un’attività lavorativa (limitata durante le sessioni di corso) durante il periodo di studi.

Per ottenere questo visto è requisito obbligatorio essere già stati accettati presso un istituto australiano accreditato (per la lista completa puoi consultare questo sito http://cricos.deewr.gov.au). Al momento della domanda può essere necessario esibire la documentazione che attesti le proprie conoscenze linguistiche e il proprio curriculum di studi.

Possono ottenere questo tipo di visto anche i parenti dello studente (la loro presenza in Australia è vincolata a quello dello studente iscritto al corso di studi).

Esiste inoltre un visto analogo a questo, dedicato agli studenti che intendono seguire in Australia studi di specializzazione e ricerca, il visto Postgraduate Research Sector (sottoclasse 574).

 

Visti per lavorare in Australia

Esiste una grande varietà di visti per svolgere periodi di lavoro più o meno lunghi in Australia. I requisiti per l’ottenimento di questi visti si basano sulla tipologia di lavoro che si intende svolgere, le capacità e le specializzazioni, la durata della permanenza. È pertanto consigliabile consultare la pagina dedicata al lavoro in Australia, sul sito  www.immi.gov.au, per individuare il visto di lavoro più adatto alle proprie esigenze.

Fonte: australia.com

 


Nessun commento

Lascia un commento